News

Via all'Anno fenologico 2017

E' uscita l'interessante newsletter di GLOBE. Vi diamo un assaggio di ciò che scoprirete al suo interno

Un gennaio tanto freddo non s'era visto da trent'anni! A nord delle Alpi, la temperatura media sotto i 1000 metri è stata di -2,9 ° C. A meridione delle Alpi le temperature s'aggi­ravano in media fra 2 e 2,5 ° C; basse ma non così rare per la stagione. I mesi di gennaio freddi sono divenuti una rarità. Durante il periodo di misurazione di oltre 150 anni, il mese di gennaio a nord delle Alpi si è riscaldato di 2 gradi. La media trentennale di gennaio alla fine del XIX secolo era di – 2 ° C. Oggi si situa intorno a  0 ° C. L'aumento a sud delle Alpi ammonta a 1,5 ° C.

Totalmente differente si è rivelato febbraio: venti tempestosi da ovest hanno portato temperature record – a Lucerna si sono misurati 19,9 ° C. Il record precedente era di 18,8 ° C (1958). In media, le temperature superavano di 2 – 3 gradi quelle del periodo di riferi­mento. Inoltre, in molte parti della Svizzera si è prolungato il già lungo periodo di siccità.

Le basse temperature di gennaio e la notevole siccità hanno avuto ripercussioni sullo sviluppo fenologico. In Ticino, il primo nocciolo fiorito è stato annunciato il 16 gennaio, in linea con la media pluriennale. A nord delle Alpi e particolarmente sull'Altipiano la fioritura del nocciolo è ritardata di 10 giorni rispetto alla media. Ben diversa la situazione a  quote fra i 700 e i 1000 metri, dove i noccioli fiorivano contemporaneamente a quelli dell'Altipiano, dunque da una a due settimane prima della media. Responsabili di questo precoce sviluppo sono state le elevate temperature in dicembre a queste quote e i giorni soleggiati di febbraio sopra la nebbia alta.

A metà febbraio la vegetazione è letteralmente esplosa: si sono osservate le prime farfare, cui si sono aggiunte a inizio marzo le prime anemoni bianche. Anche le gemme della serenella si sono sviluppate velocemente, mostrando le prime foglie.

Fonte: MeteoSvizzera, il bollettino e blog.

Qui potete trovare maggiori informazioni su GLOBE e per iscrivervi alla newsletter.