News

Autunno 2019: temperature sopra la media ritardano la colorazione delle foglie

Dopo un'estate molto calda, il mese di settembre di quest'anno si è rivelato eccezionalmente soleggiato e asciutto. Nella media nazionale, la norma mensile della temperatura è stata superata di 1.1° C – in alcune regioni, sopratutto nella Svizzera occidentale, si è avuto solo il 20-25 % delle normali precipitazioni di settembre

Per tutto il mese, le feno­fasi au­tunna­li si sono situ­ate entro un inter­vallo nor­male: i primi al­beri si sono colo­rati già in settem­bre, anche se la gran­de colo­razio­ne si è lascia­ta atten­dere.  Ma, dopo un otto­bre pure ecce­zional­mente cal­do, l'anda­men­to au­tunna­le delle feno­fasi di quest'an­no si è allon­tana­to sem­pre più dal suo "decor­so classi­co". Quest'anno, la colo­razio­ne delle foglie è avve­nu­ta più tar­di del nor­male. In media, per il faggio ques­ta fase è suben­tra­ta circa 4 giorni dopo (in confronto al perio­do 1981-2010); anche per la be­tulla si sono riscon­tra­ti 2 gior­ni di ritar­do e per l'ace­ro di monte 4 giorni (in confronto al periodo 1996-2018).


Quest'anno, con le poche notti fredde di otto­bre, non si sono avu­te in gran par­te dell'Alto­piano le viva­ci colo­razio­ni autunna­li. La colo­razio­ne delle foglie dipen­de sopra­tutto dalla dimi­nu­zione della dura­ta dell'illu­mina­zione diur­na ma tempe­ratu­re eleva­te nei mesi au­tunna­li posso­no modifi­care il sub­entra­re delle rela­tive feno­fasi.

Fonte: Newsletter PhaenoNet