News

Da fermate per bus a fermate per api

Nel città olandese i Utrechta trasformato le fermate per gli autobus

BrightVibes - Nella città olandese di Utrecht, 316 fermate dell'autobus hanno ora un tetto verde. Non solo sono bellissime, ma aiutano anche a catturare le polveri fini, a conservare l'acqua piovana e a rinfrescarsi durante l'estate.

Si tratta di una delle tante misure volte, tra l'altro, a migliorare la qualità dell'aria di Utrecht. Lo sapevate che dopo il fumo, un ambiente malsano (compresa la cattiva qualità dell'aria) è la seconda causa di malattie nei Paesi Bassi? 

Più biodiversità
I tetti verdi delle fermate degli autobus di Utrecht sono diventati anche fermate delle api e contribuiscono alla biodiversità della città, sostenendo insetti come le api da miele e i calabroni. 

Piante di sedum
I tetti hanno principalmente piante di sedum. Sono mantenute da operai comunali che si muovono con veicoli elettrici.

Meglio i bus
Recentemente Utrecht ha sostituito 10 autobus diesel con quelli elettrici. Utrecht mira a far funzionare solo autobus neutrali al CO2 entro il 2028. Nel frattempo, incentiva i conducenti di autobus ad adattarsi ad uno stile di guida più rispettoso dell'ambiente. Gli autobus registrano l'efficienza e la comodità con cui ogni autista gestisce l'autobus e, in base alla loro capacità di guida, possono "vincere" premi per una guida più pulita, confortevole e sicura. 
Inoltre, l'elettricità utilizzata dalla città proviene dai mulini a vento olandesi.
Fonte: Provincia di Utrecht

Il proprio tetto verde
I cittadini sono incentivati a trasformare i propri tetti in tetti verdi e possono richiedere sovvenzioni speciali. Fonte: Utrecht.nl

E che ne dite delle punture?
Le api sono attratte dalle piante e dai fiori sul tetto, non dalle persone sedute sotto il tetto. E come si può leggere qui, in generale le api non sono affatto aggressive. Spesso vengono scambiate per le vespe più aggressive, ma in realtà non c'è bisogno di temerle in quanto impegnate a lavorare su questi tetti verdi.

 

Qui potete leggere l'articolo originale.